Corso di Somministrazione dell'Ossigeno in Caso di Emergenza

Corso di Somministrazione dell'Ossigeno in Caso di Emergenza


Introduzione

In situazioni di emergenza mediche, la somministrazione di ossigeno può fare la differenza tra la vita e la morte. L'ossigeno è un elemento essenziale per il nostro corpo e la sua corretta somministrazione può essere fondamentale per garantire una corretta ossigenazione dei tessuti e degli organi. Per questo motivo, i professionisti sanitari e il personale di primo soccorso devono essere adeguatamente preparati per affrontare queste situazioni critiche. Il corso di somministrazione dell'ossigeno in caso di emergenza fornisce le competenze necessarie per utilizzare in modo sicuro ed efficace gli strumenti di somministrazione dell'ossigeno e garantire una gestione adeguata delle vie aeree dei pazienti.

Importanza della somministrazione di ossigeno in caso di emergenza

La somministrazione di ossigeno in caso di emergenza è di vitale importanza per garantire una corretta ossigenazione dei tessuti e degli organi del corpo umano. L'ossigeno è fondamentale per il metabolismo cellulare e per il corretto funzionamento degli organi vitali, come il cervello, il cuore e i polmoni. In situazioni di emergenza mediche, l'assenza o l'insufficiente apporto di ossigeno può avere gravi conseguenze sulla salute e sulla sopravvivenza del paziente.

Uno dei principali effetti dell'ipossia, ovvero la mancanza di ossigeno, è la compromissione delle funzioni cerebrali. Il cervello richiede una quantità significativa di ossigeno per svolgere le sue funzioni vitali, come il mantenimento della consapevolezza, la regolazione delle funzioni vitali e il controllo dei movimenti. La mancanza di ossigeno può portare a sintomi neurologici come confusione, perdita di coscienza e, in casi estremi, danni cerebrali permanenti o morte.

Inoltre, l'ipossia può influire negativamente sul cuore e sul sistema cardiovascolare. Il cuore richiede un adeguato apporto di ossigeno per svolgere la sua funzione di pompare il sangue ricco di ossigeno ai tessuti periferici. La mancanza di ossigeno può portare a un'insufficiente perfusione sanguigna degli organi vitali, causando danni al cuore stesso o ad altri organi.

I polmoni sono gli organi responsabili dello scambio di ossigeno e anidride carbonica durante la respirazione. In situazioni di emergenza come il collasso dei polmoni, l'asfissia o l'ostruzione delle vie respiratorie, la somministrazione di ossigeno può essere cruciale per garantire un'adeguata ossigenazione dei tessuti polmonari e sostenere la respirazione.

La somministrazione di ossigeno in caso di emergenza può essere necessaria in una vasta gamma di situazioni mediche, come shock ipovolemico (riduzione del volume del sangue circolante), avvelenamento, insufficienza respiratoria, arresto cardiaco, traumi gravi e molte altre. In queste situazioni, il corpo richiede un apporto supplementare di ossigeno per compensare la mancanza o l'insufficiente apporto fisiologico.

La tempestiva somministrazione di ossigeno può prevenire o ridurre i danni a organi vitali e tessuti, migliorando le probabilità di
sopravvivenza del paziente. In molti casi, la somministrazione di ossigeno può essere considerata come un trattamento di supporto iniziale fino a quando la causa sottostante dell'emergenza medica non viene identificata e affrontata in modo adeguato.

Inoltre, è importante sottolineare che la somministrazione di ossigeno deve essere gestita in modo appropriato e accurato. La concentrazione di ossigeno fornita deve essere regolata in base alle condizioni specifiche del paziente e monitorata attentamente per evitare iperossia (eccesso di ossigeno nel sangue), che potrebbe causare danni ai polmoni o ad altri organi.

In conclusione, la somministrazione di ossigeno in caso di emergenza è di vitale importanza per garantire un adeguato apporto di ossigeno ai tessuti e agli organi del corpo umano. Questo trattamento di supporto può essere fondamentale per migliorare la sopravvivenza e il benessere dei pazienti in situazioni di emergenza, fornendo un'ossigenazione adeguata e salvavita.

Panoramica del corso di somministrazione dell'ossigeno in caso di emergenza

Il corso di somministrazione dell'ossigeno in caso di emergenza fornisce agli operatori sanitari e al personale di primo soccorso le competenze necessarie per gestire correttamente la somministrazione dell'ossigeno durante situazioni di emergenza. Questo corso può essere suddiviso in diversi livelli di formazione, in base alle esigenze e alle competenze degli studenti.

1.    Formazione di base: Questo livello di formazione è adatto a soccorritori non sanitari, come personale di primo soccorso aziendale, operatori di sicurezza o volontari della protezione civile. Durante il corso, gli studenti apprendono le nozioni di base sulla somministrazione dell'ossigeno, inclusi i principi fondamentali dell'ossigenoterapia e l'uso corretto dei dispositivi di somministrazione dell'ossigeno. Vengono fornite informazioni sulle concentrazioni di ossigeno e sulle modalità di regolazione del flusso.

2.    Formazione avanzata: Questo livello di formazione è rivolto agli operatori sanitari, come infermieri, paramedici e medici. Il corso approfondisce in modo più dettagliato le competenze specifiche per la gestione dell'ossigeno in situazioni di emergenza. Gli studenti imparano a valutare le condizioni del paziente e a selezionare il dispositivo di somministrazione dell'ossigeno più appropriato in base alle necessità individuali. Vengono anche trattate le procedure di sicurezza e le precauzioni da seguire durante l'uso dell'ossigeno.

Durante il corso, vengono solitamente fornite lezioni teoriche integrate da sessioni pratiche per consentire agli studenti di acquisire
familiarità con i dispositivi di somministrazione dell'ossigeno e di esercitarsi nella loro corretta applicazione. Le sessioni pratiche possono coinvolgere l'utilizzo di manichini o simulatori di pazienti per simulare diverse situazioni di emergenza in cui la somministrazione dell'ossigeno è necessaria.

Oltre ai principi di base della somministrazione dell'ossigeno, durante il corso potrebbero essere affrontati anche altri argomenti correlati, come la gestione delle vie aeree, la valutazione dei segni vitali del paziente, l'uso corretto delle maschere facciali e delle cannule nasali, la gestione delle situazioni di emergenza in cui è richiesta la somministrazione dell'ossigeno e la comunicazione efficace con il paziente durante la procedura.

La durata del corso può variare a seconda del livello di formazione e del programma specifico. Può andare da poche ore per la formazione di base a diversi giorni per la formazione avanzata.

L'obiettivo del corso di somministrazione dell'ossigeno in caso di emergenza è fornire agli operatori sanitari e al personale di primo soccorso le competenze necessarie per somministrare in modo sicuro ed efficace l'ossigeno durante situazioni di emergenza. Una corretta formazione in questo ambito è essenziale per garantire un trattamento adeguato e migliorare le probabilità di sopravvivenza e recupero dei pazienti che necessitano di supporto respiratorio immediato.

 Dispositivi di somministrazione dell'ossigeno 

I dispositivi di somministrazione dell'ossigeno sono strumenti utilizzati per fornire ossigeno supplementare ai pazienti che necessitano di un supporto respiratorio durante situazioni di emergenza. Questi dispositivi consentono di fornire una concentrazione di ossigeno superiore a quella presente nell'aria ambiente, garantendo un'adeguata ossigenazione dei tessuti e
degli organi.

Ecco alcuni dei dispositivi di somministrazione dell'ossigeno più comuni:

1.    Maschere facciali: Le maschere facciali coprono il naso e la bocca del paziente, fornendo una maggiore concentrazione di ossigeno rispetto all'aria ambiente. Esistono diversi tipi di maschere facciali, come la maschera ad alta concentrazione, che offre una concentrazione di ossigeno più elevata, e la maschera a media concentrazione, che fornisce una concentrazione leggermente inferiore. Le maschere facciali sono dotate di un'elastico per fissarle saldamente al viso del paziente e spesso hanno una valvola unidirezionale per evitare il reinalimento dell'aria espirata.

2.    Cannule nasali: Le cannule nasali sono tubi sottili che vengono inseriti nelle narici del paziente. Questi tubi forniscono una concentrazione di ossigeno leggermente inferiore rispetto alle maschere facciali, ma offrono il vantaggio di consentire al paziente di mangiare, bere e parlare durante la somministrazione dell'ossigeno. Le cannule nasali sono fissate dietro le orecchie e si estendono fino alle narici.

3.    Sacche a valvola: Le sacche a valvola sono dispositivi di somministrazione dell'ossigeno utilizzati per la rianimazione cardiopolmonare (RCP) e la ventilazione di emergenza. Questi dispositivi sono composti da una sacca di plastica e una valvola unidirezionale che permette l'ingresso dell'ossigeno nella sacca durante la ventilazione e impedisce il reinalimento dell'aria espirata.

4.    Maschere per nebulizzazione: Le maschere per nebulizzazione sono dispositivi utilizzati per somministrare farmaci in forma di aerosol insieme all'ossigeno. Questi dispositivi sono collegati a un nebulizzatore che trasforma il farmaco liquido in un aerosol facilmente inalabile. Le maschere per nebulizzazione permettono al paziente di respirare l'aerosol medicamentoso mentre riceve anche una concentrazione di ossigeno aggiuntiva.

5.    Cateteri nasali ad alto flusso: I cateteri nasali ad alto flusso sono dispositivi che consentono di somministrare un flusso elevato di ossigeno attraverso i cateteri inseriti nelle narici. Questi dispositivi possono fornire una concentrazione di ossigeno più elevata rispetto alle cannule nasali tradizionali e sono utilizzati in situazioni in cui è richiesto un flusso di ossigeno superiore.

La scelta del dispositivo di somministrazione dell'ossigeno dipende dalle condizioni del paziente, dall'obiettivo della terapia e dalla preferenza del medico o dell'operatore sanitario. È importante utilizzare il dispositivo appropriato e regolare correttamente il flusso di ossigeno per garantire un'efficace somministrazione e minimizzare il rischio di complicanze.

Durante il corso di somministrazione dell'ossigeno in caso di emergenza, gli studenti apprendono l'utilizzo corretto di questi dispositivi, inclusa la selezione del dispositivo più adatto alle necessità del paziente e la regolazione del flusso di ossigeno in base alle condizioni cliniche. Vengono inoltre fornite informazioni sulle precauzioni e le considerazioni di sicurezza durante l'uso dei dispositivi di somministrazione dell'ossigeno.

Sicurezza nell'uso dell'ossigeno

La sicurezza nell'uso dell'ossigeno è di estrema importanza durante la somministrazione di ossigeno in situazioni di emergenza. Mentre l'ossigeno è essenziale per la vita, è anche una sostanza altamente infiammabile che richiede precauzioni specifiche per prevenire incidenti e garantire la sicurezza del paziente e degli operatori sanitari. Ecco alcuni punti chiave sulla sicurezza nell'uso dell'ossigeno:

1.    Gestione e stoccaggio sicuro: L'ossigeno deve essere gestito e conservato in modo sicuro. Le bombole o i contenitori di ossigeno devono essere mantenuti in posizione verticale e protetti da fonti di calore, fiamme aperte o sostanze infiammabili. Devono essere adottate misure per prevenire la fuoriuscita di ossigeno, come l'utilizzo di tappi o valvole protettive. È importante anche garantire una corretta ventilazione dell'area in cui viene utilizzato l'ossigeno per evitare la formazione di concentrazioni eccessive di ossigeno.

2.    Precauzioni antistatiche: Durante l'utilizzo dell'ossigeno, è necessario adottare precauzioni per prevenire scintille o scariche elettrostatiche. È importante utilizzare attrezzature antistatiche, come tubi e dispositivi di somministrazione appropriati, per ridurre il rischio di ignizione dell'ossigeno.

3.    Non fumare: È vietato fumare o accendere fiamme aperte nelle vicinanze dell'ossigeno. L'ossigeno aumenta l'infiammabilità dei materiali e il rischio di incendi. Gli operatori sanitari e i pazienti devono essere informati sui rischi e deve essere posta attenzione a garantire che l'ossigeno non venga esposto a fiamme o scintille.

4.    Monitoraggio delle concentrazioni di ossigeno: Durante la somministrazione di ossigeno, è fondamentale monitorare attentamente le concentrazioni di ossigeno fornite al paziente. Una concentrazione eccessiva di ossigeno nel flusso può causare iperossia, che può essere dannosa per il paziente. Gli operatori sanitari devono essere addestrati per regolare correttamente il flusso di ossigeno in base alle necessità del paziente e utilizzare dispositivi di monitoraggio adeguati, come ossimetri, per misurare i livelli di ossigeno nel sangue.

5.    Precauzioni nelle vicinanze di fiamme o dispositivi elettrici: Durante l'uso dell'ossigeno, è importante tenere lontani fiamme aperte o dispositivi elettrici che potrebbero causare scintille. Questo include evitare l'utilizzo di dispositivi elettrici non sicuri o danneggiati nelle vicinanze dell'ossigeno e utilizzare dispositivi di protezione per prevenire l'entrata di ossigeno in zone di combustione o esplosive.

6.    Formazione del personale: Gli operatori sanitari devono ricevere una formazione adeguata sull'uso sicuro dell'ossigeno, compresi i rischi associati, le precauzioni necessarie e le procedure di sicurezza da seguire. Devono essere informati su come gestire situazioni di emergenza legate all'ossigeno e su come riconoscere e rispondere a eventuali segni di pericolo o problemi durante la somministrazione.

Questi sono solo alcuni degli aspetti principali relativi alla sicurezza nell'uso dell'ossigeno durante le emergenze. La sicurezza è una componente cruciale della somministrazione dell'ossigeno e richiede attenzione e adozione di procedure appropriate per garantire il benessere del paziente e la protezione degli operatori sanitari.

Monitoraggio e valutazione del paziente

Il monitoraggio e la valutazione del paziente sono fondamentali durante la somministrazione dell'ossigeno in caso di emergenza. Questi processi consentono di valutare l'efficacia del trattamento, riconoscere eventuali complicanze o cambiamenti nello stato del paziente e apportare eventuali adeguamenti necessari. Ecco alcuni aspetti chiave del monitoraggio e della valutazione del paziente:

1.    Monitoraggio dei segni vitali: I segni vitali, come la frequenza cardiaca, la pressione arteriosa, la frequenza respiratoria e la saturazione di ossigeno (SpO2), devono essere monitorati regolarmente durante la somministrazione dell'ossigeno. Questi parametri forniscono importanti indicazioni sullo stato respiratorio e cardiovascolare del paziente. Un calo nella saturazione di ossigeno o altri segni di deterioramento possono indicare la necessità di aumentare il flusso di ossigeno o adottare altre misure appropriate.

2.    Valutazione dei sintomi e del benessere del paziente: È importante chiedere al paziente riguardo ai suoi sintomi, come difficoltà respiratoria, dispnea, dolore toracico o affaticamento. La valutazione della loro risposta al trattamento dell'ossigeno può aiutare a determinare l'efficacia del trattamento e l'eventuale necessità di regolazioni.

3.    Monitoraggio non invasivo dell'ossigeno nel sangue: L'utilizzo di ossimetri, dispositivi non invasivi per la misurazione della saturazione di ossigeno nel sangue, è essenziale durante la somministrazione dell'ossigeno. Questi dispositivi vengono solitamente applicati al dito del paziente e forniscono una lettura in tempo reale della SpO2. Una diminuzione della SpO2 può indicare una compromissione dell'ossigenazione e richiedere un aumento del flusso di ossigeno o una diversa modalità di somministrazione.

4.    Valutazione della tolleranza all'ossigeno: Alcuni pazienti potrebbero non tollerare bene alte concentrazioni di ossigeno o potrebbero sviluppare complicanze come la depressione respiratoria. È importante osservare attentamente il paziente durante la somministrazione dell'ossigeno per individuare eventuali segni di intolleranza o effetti indesiderati.

5.    Monitoraggio dell'efficacia del trattamento: Il monitoraggio regolare del paziente consente di valutare l'efficacia del trattamento dell'ossigeno. I segni di miglioramento includono un aumento della saturazione di ossigeno, una diminuzione della frequenza respiratoria e un miglioramento generale dei sintomi respiratori. Tuttavia, se non si osserva un miglioramento o se si manifestano segni di peggioramento, potrebbe essere necessario rivalutare il trattamento e prendere in considerazione altre opzioni terapeutiche.

Durante il corso di somministrazione dell'ossigeno in caso di emergenza, gli operatori sanitari apprendono le tecniche di monitoraggio e valutazione del paziente, inclusi i metodi appropriati per la misurazione dei segni vitali e l'interpretazione dei risultati. Inoltre, vengono fornite linee guida per il monitoraggio continuo del paziente durante l'emergenza e la gestione delle eventuali complicanze o situazioni critiche che potrebbero richiedere interventi immediati.

Approfondimenti sulla gestione delle vie aeree e la RCP

La gestione delle vie aeree e la RCP (Rianimazione Cardiopolmonare) sono competenze fondamentali per gli operatori sanitari che partecipano al corso di somministrazione dell'ossigeno in caso di emergenza. Queste competenze sono cruciali per garantire una corretta ventilazione e ossigenazione del paziente e per intervenire in caso di arresto cardiaco. Di seguito sono forniti ulteriori approfondimenti su questi argomenti:

Gestione delle vie aeree: La gestione delle vie aeree si riferisce alle azioni e alle tecniche utilizzate per garantire un adeguato flusso d'aria nei polmoni del paziente. Durante un'emergenza respiratoria, una delle priorità è mantenere pervie le vie aeree del paziente per consentire un'adeguata respirazione. Di seguito sono elencati alcuni aspetti chiave della gestione delle vie aeree:

1.    Valutazione delle vie aeree: La valutazione iniziale delle vie aeree del paziente è essenziale per determinare se sono libere o ostruite. Questa valutazione può essere fatta osservando la presenza di corpi estranei, secrezioni o altre ostruzioni visibili. In caso di ostruzione delle vie aeree, devono essere adottate le adeguate misure per rimuovere l'ostruzione e ripristinare la pervietà delle vie aeree.

2.    Apertura delle vie aeree: Se le vie aeree del paziente sono parzialmente o completamente ostruite, è necessario aprire le vie aeree per garantire un flusso d'aria adeguato. Ciò può essere ottenuto mediante la posizione di inclinazione della testa e del mento (posizione a "testa inclinata-mento sollevato") che permette l'allineamento delle vie aeree superiori.

3.    Supporto ventilatorio: Durante l'emergenza, potrebbe essere necessario fornire un supporto ventilatorio al paziente per garantire un'adeguata ossigenazione e ventilazione. Questo può essere fatto utilizzando dispositivi come maschere facciali, cannule nasali, sacche a valvola o tubi endotracheali a seconda della gravità della situazione e delle competenze dell'operatore.

RCP (Rianimazione Cardiopolmonare): La RCP è una procedura di emergenza che viene eseguita quando una persona ha un arresto cardiaco. La RCP è un insieme di manovre che combinano la compressione toracica e la ventilazione per mantenere la circolazione sanguigna e l'ossigenazione del paziente. Di seguito sono elencati alcuni aspetti chiave della RCP:

1.    Compressione toracica: La compressione toracica è una componente fondamentale della RCP. L'operatore esercita una pressione ritmica sul torace del paziente per mantenere la circolazione del sangue. Le compressioni toraciche devono essere eseguite nel punto giusto del torace, di solito al centro del petto, con le braccia estese e con una profondità adeguata.

2.    Ventilazione di salvataggio: La ventilazione di salvataggio o respirazione bocca-a-bocca consiste nella somministrazione di aria o ossigeno al paziente attraverso la bocca a bocca. Questa tecnica aiuta a fornire ossigeno al paziente e rimuovere il biossido di carbonio.

3.    Defibrillazione precoce: In caso di arresto cardiaco causato da una fibrillazione ventricolare, è fondamentale l'utilizzo precoce del defibrillatore automatico esterno (DAE) per ripristinare il ritmo cardiaco normale. Durante il corso, gli operatori sanitari vengono addestrati sull'utilizzo del DAE e sull'esecuzione delle defibrillazioni.

Durante il corso di somministrazione dell'ossigeno in caso di emergenza, agli operatori sanitari vengono fornite competenze teoriche e pratiche sulla gestione delle vie aeree e sulla RCP. Queste competenze sono fondamentali per affrontare efficacemente le emergenze e garantire un'adeguata ossigenazione e ventilazione dei pazienti in situazioni critiche.

Conclusioni

Al termine del corso di somministrazione dell'ossigeno in caso di emergenza, gli studenti acquisiscono una serie di competenze e conoscenze essenziali per affrontare efficacemente le situazioni di emergenza in cui è richiesta la somministrazione di ossigeno. Le conclusioni del corso includono i seguenti punti:

1.    Conoscenza approfondita sull'ossigeno: Gli studenti sviluppano una solida comprensione dell'importanza dell'ossigeno nel sostegno delle funzioni vitali e nella gestione delle emergenze respiratorie. Hanno familiarità con le modalità di somministrazione dell'ossigeno e sanno selezionare il dispositivo più appropriato per il paziente in base alle condizioni cliniche.

2.    Competenze nella somministrazione dell'ossigeno: Gli studenti sono in grado di utilizzare correttamente i dispositivi di somministrazione dell'ossigeno, regolare il flusso di ossigeno in modo appropriato e monitorare attentamente i pazienti durante il trattamento. Hanno padronanza delle tecniche di gestione delle vie aeree e sanno come fornire un'adeguata ventilazione e ossigenazione.

3.    Consapevolezza della sicurezza: Gli studenti comprendono l'importanza della sicurezza nell'uso dell'ossigeno e sono consapevoli dei potenziali rischi e delle precauzioni necessarie per prevenire incidenti o complicanze. Sono addestrati ad adottare misure di sicurezza appropriate durante la somministrazione dell'ossigeno, come la gestione e lo stoccaggio sicuro, l'evitare fiamme o scintille nelle vicinanze e l'uso di dispositivi antistatici.

4.    Capacità di monitoraggio e valutazione del paziente: Gli studenti sono in grado di monitorare attentamente i segni vitali del paziente, valutare la sua risposta al trattamento dell'ossigeno e riconoscere eventuali segni di deterioramento o complicanze. Sanno come regolare il flusso di ossigeno in base alle necessità del paziente e utilizzare dispositivi di monitoraggio adeguati per valutare l'efficacia del trattamento.

5.    Competenze nella gestione delle vie aeree e nella RCP: Gli studenti hanno acquisito competenze fondamentali nella gestione delle vie aeree, inclusa l'apertura delle vie aeree, il supporto ventilatorio e la rimozione delle eventuali ostruzioni. Sono in grado di eseguire correttamente le manovre di RCP, comprese le compressioni toraciche e la ventilazione di salvataggio, e sono consapevoli dell'importanza della defibrillazione precoce.

Le conclusioni del corso evidenziano l'importanza dell'ossigeno nella gestione delle emergenze respiratorie, nonché la necessità di competenze specializzate per la somministrazione sicura ed efficace dell'ossigeno. Gli studenti sono in grado di applicare le conoscenze acquisite per intervenire in modo tempestivo ed efficiente durante le situazioni di emergenza e garantire un trattamento adeguato ai pazienti che richiedono ossigenoterapia.

 

Prossimi eventi

Scegli la data ed il corso a cui partecipare
Sabato

27

Aprile 2024
Corso BLSD PBLSD
Via Resuttana n.350 - Piano terra - Aula Diesse Group
-
Palermo
08:30
-
13:30

Contattaci

Il corso BLSD PBLD è un'opportunità unica per acquisire competenze salvavita. In questo corso, imparerai le tecniche di base per rispondere in modo efficace a situazioni di emergenza. Il corso è progettato per insegnarti come fornire un supporto di base alle persone colpite da arresto cardiaco o da problemi respiratori. Alla fine del corso, sarai in grado di imparare e mettere in pratica le competenze necessarie per salvare vite umane. I nostri istruttori altamente qualificati ti guideranno attraverso le ultime linee guida e le migliori pratiche nel campo del supporto vitale di base e della defibrillazione. Riceverai una formazione pratica sul corretto utilizzo dei defibrillatori automatici esterni (DAE) e imparerai come effettuare la rianimazione cardiopolmonare (RCP) in modo sicuro ed efficace. Unisciti a noi per il corso BLSD e diventa parte di una comunità di soccorritori ben addestrati e preparati a salvare vite umane.
Sabato

11

Maggio 2024
Corso BLSD PBLSD
Via Resuttana n.350 - Piano terra - Aula Diesse Group
-
Palermo
08:30
-
13:30

Contattaci

Il corso BLSD PBLD è un'opportunità unica per acquisire competenze salvavita. In questo corso, imparerai le tecniche di base per rispondere in modo efficace a situazioni di emergenza. Il corso è progettato per insegnarti come fornire un supporto di base alle persone colpite da arresto cardiaco o da problemi respiratori. Alla fine del corso, sarai in grado di imparare e mettere in pratica le competenze necessarie per salvare vite umane. I nostri istruttori altamente qualificati ti guideranno attraverso le ultime linee guida e le migliori pratiche nel campo del supporto vitale di base e della defibrillazione. Riceverai una formazione pratica sul corretto utilizzo dei defibrillatori automatici esterni (DAE) e imparerai come effettuare la rianimazione cardiopolmonare (RCP) in modo sicuro ed efficace. Unisciti a noi per il corso BLSD e diventa parte di una comunità di soccorritori ben addestrati e preparati a salvare vite umane.
Sabato

11

Maggio 2024
Corso OXYGEN
Via Resuttana n.350 - Piano terra - Aula Diesse Group
-
Palermo
14:30
-
18:30

Contattaci

Il corso Oxygen, noto anche come corso di somministrazione dell'ossigeno, ha come principale obiettivo l'insegnamento delle procedure di somministrazione ossigeno in varie circostanze di emergenza. Questo corso mira inoltre a preparare i partecipanti ad affrontare situazioni di emergenza che richiedono l'uso dell'ossigeno. Nel corso Oxygen, i partecipanti saranno tenuti a dimostrare la loro abilità nel corretto dispiegamento, montaggio, smontaggio e utilizzo di tutti i componenti dell'Unità Ossigeno. Saranno inoltre formati sulle tecniche di rianimazione cardiopolmonare, che sono fondamentali in situazioni di emergenza. Alla conclusione del corso verrà rilasciato un attestato che certifica la competenza del partecipante nella somministrazione sicura e efficace dell'ossigeno in situazioni critiche. Questa formazione è di vitale importanza per coloro che lavorano in ambiti in cui l'ossigeno può essere un elemento salvavita.
Sabato

18

Maggio 2024
Corso PTC BASE
Via Resuttana n.350 - Piano terra - Aula Diesse Group
-
Palermo
08:30
-
16:30

Contattaci

Il corso Trauma Base è progettato per offrire una formazione completa in materia di primo soccorso e gestione dei traumi. Durante il corso, acquisirai le competenze necessarie per intervenire in situazioni di emergenza, fornendo assistenza vitale a individui colpiti da incidenti o traumi. Partecipando a questo corso, sarai in grado di valutare in modo accurato le situazioni di emergenza, applicare bendaggi e immobilizzazioni in modo corretto e utilizzare gli strumenti appropriati per il supporto vitale. La formazione sarà condotta da istruttori altamente qualificati e esperti nel campo del primo soccorso e della gestione dei traumi. Unisciti a noi nel corso PTC e preparati per diventare un soccorritore altamente competente, pronto a fronteggiare situazioni di emergenza e a fornire assistenza immediata e vitale alle persone in difficoltà. Al termine del corso verrà rilasciato un brevetto che certifica le competenze acquisite.
Desideri avere maggiori informazioni sui corsi?
Compila il form contatti oppure scegli tu il canale che preferisci cliccando in una delle seguenti icone!

Compila il form

@
Devi prima sottoscrivere l'informativa sulla privacy